La farinata di ceci da Bughetta

La farinata di ceci di Bughetta: impossibile resisterle!

La farinata di ceci di Bughetta merita una visita a Cerreto Laghi!
Il signor Moreno la sforna calda tutti i giorni assieme ad ottime focacce da mangiare o da portare via.

Piatto dalle umili e antiche origini, la farinata di ceci, è anche conosciuta con il nome di Fainà a Genova, Cecina a Pisa, Torta o Cinque Cinque a Livorno.

E’ una focaccia molto bassa, un vero piacere per il palato, con la sua crosta croccante e il suo cuore caldo e morbido.

Viene gustata da sola appena sfornata, con una generosa spolverata di pepe nero, oppure in abbinamento con stracchino o crescenza, cipolla o gorgonzola, assieme alle melanzane “sotto il pesto” (cioè marinate). Piatto ricco di vitamine, ferro e fosforo, molte proteine vegetali e pochissimi grassi saturi, è uno spuntino ideale dopo una intensa giornata di trekking o di sci.

Lo storico negozio da Bughetta

Lo storico negozio da Bughetta, a Cerreto Laghi dal 1992

Il negozio di alimentari Da Bughetta, a Cerreto Laghi dal 1992, offre tutto l’anno oltre alla farinata di ceci, molti prodotti tipici del territorio, come i testaroli e i panigacci, i pecorini e gli insaccati di Lunigiana e Garfagnana, succhi e distillati di mirtillo, funghi secchi e sott’olio, farro in chicchi, farine e paste e molto altro ancora.

La ricetta

Pochi e semplici gli ingredienti per fare la farinata: farina di ceci, acqua, sale e l’olio extra vergine di oliva, ma è fondamentale che questi siano ottimi e di prima qualità.

Preparare la farinata di ceci in casa non è un successo scontato, perché per l’ottima riuscita è fondamentale l’uso di una grande teglia di rame, il testo, e soprattutto di un forno a legna che le conferisce la tipica doratura e croccantezza.

Se volete cimentarvi con la farinata, però, si può provare anche con il forno elettrico e senza il testo. Questa è la ricetta per la preparazione classica che abbiamo trovato sul blog di GialloZafferano:

Ingredienti:

  • Farina di ceci 300 g
  • Acqua 900 ml
  • Olio di oliva extravergine 1/2 bicchiere
  • Sale q.b.
  • Pepe una spolverata

Preparazione:

mettete in una terrina la farina a fontana e versate al centro, un pò alla volta, l’acqua. Mescolate il tutto per bene facendo attenzione ai grumi, fino ad ottenere un composto liquido e omogeneo che lascerete riposare, mescolando di tanto in tanto, almeno 4/5 ore, coperto con un coperchio e fuori dal frigorifero. Togliete la schiuma che si sarà formata sulla superficie e aggiungere al composto il sale e mezzo bicchiere di olio e versate il restante olio sul fondo di una teglia antiaderente.
Versate dentro la teglia il composto di ceci che farete cuocere in forno preriscaldato a 220° per circa mezz’ora fino a quando la farinata non risulti di un bel colore dorato; spegnete il forno e accendete il grill fino a quando la superficie della farinata non risulti croccante.
Sfornate infine la farinata e cospargetela di sale e pepe macinato, tagliatela a quadrati e servitela ancora calda.

Farinata ceci appena sfornata

La farinata di ceci appena sfornata!

Se avete seguito tutti i passaggi, ma il risultato non vi ha soddisfatti, meglio affidarsi a quella preparata dal signor Moreno di Bughetta!

  • Pingback: Storytelling - AV Green Web Marketing()

  • graziella

    io non riesco a trovare la teglia grande come c’e’ nella foto dove posso acquistare?

    • Selene

      Ciao Graziella, credo tu possa trovarla in un qualsiasi ipermercato o negozio di casalinghi. Oppure, potresti sempre chiedere al sig. Moreno di Bughetta!

www.visitcerretolaghi.it fa parte della campagna di marketing territoriale "Cerreto Laghi: neve, natura e cultura di Appennino" sviluppata da Punto 3 srl e da AV Green Web Marketing, nell'ambito del «Progetto sperimentale di valorizzazione e gestione condivisa del centro di Cerreto Laghi nel Comune di Collagna» finanziato dalla Regione Emilia Romagna (D.G.R. 1153/2012), dal Comune di Collagna e dagli operatori turistici e commerciali di Cerreto Laghi.
Collagna_piccolo puntalagoScegli anche tu Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web